Home Su Contatti Sommario Ricerca                                                    

                                                                              S. Girolamo
Home Su

 

Home
Su
Cronologia
Giovanni Colombini
I Gesuati
Insediamenti gesuati
"Beati" Gesuati
Gesuati illustri
Il Corpus Iesuatorum
Bibliografia
Iconografia
650esimo b. Colombini

 da Wikipedia - Chiesa e Convento di S. Girolamo

Il convento fu fondato nel 1354 da Francesco di Pietro Porcari per uso dei Gesuati. Fu ampliato nel secolo successivo, grazie anche ai contributi del Comune di Siena. Nel 1428 si poté così iniziare a costruire la chiesa attuale, dotandola di una sola navata e di due campate. Nel 1469 si ottennero i contributi per realizzare il primo chiostro e un pezzo di dormitorio; nel1481 si cominciò invece la costruzione del secondo chiostro, mentre nel 1532, ancora con l'aiuto del comune, il convento si dotò di nuove stanze. Nel 1552-1555 il convento fu occupato e devastato dall'esercito spagnolo, ma tornò ai frati Gesuati poco dopo, fino alla soppressione dell'ordine da parte di Clemente IX nel 1668.

Si succedettero quindi varie istituzioni religiose e laiche alla guida del convento, fino a quando, nel 1855, il granduca di Toscana Leopoldo II lo cedette alle Figlie della Carità di San Vincenzo de' Paoli. Il convento è oggi sede della Casa Provinciale delle stesse Figlie della Carità.

Descrizione

Il convento

Sono molte le opere d'arte che si trovano nella chiesa, nel chiostro e nel convento. A sinistra dell'ingresso il tabernacolo con grande affresco frammentario della Pietà e santi di Guidoccio Cozzarelli.

In chiesa l'opera più importante è il complesso contenente un affresco con la Madonna col Bambino, angeli e santi, opera del pittore Gesuato e ghirlandaiesco Fra' Giuliano da Firenze (seconda metà del XV secolo), un'incorniciatura marmorea di Lorenzo di Mariano, detto il Marrina (seconda metà del XV secolo), e due affreschi ai lati di Rutilio Manetti raffiguranti l'Angelo annunciante e la Madonna Annunciata(prima metà del XVII secolo).

Si segnala inoltre la lastra tombale del vescovo Antonio Bertini di Urbano da Cortona (1486), la Sant'Anna Metterza fatta dipingere come ex voto nel 1530 da Onoria Orsini a Giovanni di Lorenzo e una statua in legno policromo raffigurante Santa Caterina da Siena, attribuita a Giacomo Cozzarelli e donata ai Senesi in visita a Roma nell'anno santo 1600 dai loro concittadini residenti nella capitale.

La cappella a sinistra del presbiterio ha un'Incoronazione della Vergine di Sano di Pietro e l'Estasi di san Girolamo di Domenico Manetti.

Nell'ex chiostro si trova una tavola di Bernardino Fungai raffigurante l'Assunzione di Maria tra affreschi deteriorati di Fra' Giuliano da Firenze, realizzati entrambi nella seconda metà del XV secolo, e le Storie del beato Giovanni Colombini di fra' Benedetto da Brescia e fra' Banedetto da Lucca (1575).

Nel convento si trovano altri dipinti di Bartolomeo della Porta, Francesco Vanni e Alessandro Casolani, e una croce trecentesca dipinta da un ignoto seguace di Duccio di Buoninsegna.

 

"..La chiesa di S. Girolamo (a Siena) trovasi ricordata avanti al 1396. Nella prima cappella, a mano destra di chi entra , lavorò il Burberini , e nella terza dalla stessa parte Giov. Domenico Mattei da Foligno. Domenico Manetti colorì il quadro dell’altar maggiore, e nelle quattro tele laterali dipinsero Alessandro Casolani, il Mattei e Francesco Vanni. In sagrestia è una incoronazione di nostra Signora molto ben condotta da Sano di Pietro , e un’altra tavola da un incognito d’ antica scuola senese. Scesi dal presbiterio vedesi la sepoltura di Antonio Bettini , vescovo di Foligno, scolpita dal Cozzarelli. L’ornato marmoreo del primo altare a destra del maggiore fu intagliato dal Marrina . L’affresco della b. Vergine è di fra Giuliano da Firenze ingesuato, morto in Siena nel 1487: fu dipinto sull’angolo della via di Pulceto e qui trasportato nell’anno suddetto. L’ Annunziata è opera di Rutilio Manetti. Le tre figure a fresco che adornano l’ altare, nel quale il Franci dipinse lo sposalizio di s. Caterina, sono di mano del Pacchiarotto. La b. Vergine in trono fu colorita dal Brescianino , e gli altri quadretti nella parte superiore di quest’ ultimo altare da Rutilio Manetti, dal Franci e dal Petrazzi . - In convento si trovano pitture d’ antica scuola senese , tra le quali rammenteremo un Crocifisso e un s. Girolamo condotti da Sano di Pietro...".

  da "Guida artistica della città e contorni di Siena", 1863,Tip. Nel R. Ist. Tosc. di Sordo-mutip.55.

Qui, nella chiesa di S. Girolamo," sono ancora visibili alcune opere d'arte ed affreschi di Giuliano da Firenze e Fra' Benedetto da Brescia (1575)".(Convento di S. Girolamo delle abbandonate, siena.beniculturali.it)

 

File:San Girolamo, siena, 01.JPG

Chiesa_e_convento_di_San_Girolamo a Siena da Wikipedia

                                            

Home ] Su ]

Inviare a prof@francescorossi.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Copyright © 2013 Prof. Francesco Rossi. Stemma dei Gesuati Su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Cl. 28.13.07/11, Prot. 3935 del 20.11.2013
Ultimo aggiornamento: 21-02-17