Home Su Contatti Sommario Ricerca                                                    

                                                                              Lucca
Home Su Antico convento

 

Home
Su
Cronologia
Giovanni Colombini
I Gesuati
"Beati" Gesuati
Gesuati illustri
Il Corpus Iesuatorum
Bibliografia
Iconografia
650esimo b. Colombini

La prima chiesa ad essere fondata dai gesuati dopo la morte del B. Colombini fu quella della S.S. Trinità di Lucca nel 1368, poco dopo che aveva ottenuto da Papa Urbano V il riconoscimento dell'ordine dei gesuati (1367).

File:Lucca-chiesa della Santissima Trinità-facciata.jpg
Facciata della Chiesa della S.S. Trinità di Lucca (da Wikipedia)

A Pisa e a Lucca, il B. Colombini era andato non solo per predicare ma anche per fare delle compere di libri per le suore di Santa Bonda, presso Siena, con le quali esisteva, fin dall'inizio una forte intesa spirituale.

Scrive il B. Colombini una delle numerose lettere scritte alle suore di questo Monastero: "Sappiate che de’ libri vostri n’aviamo già comprati tre salteri e due breviali; costano cinque fiorini e mezzo; non ci troviamo altro; cercaremo a Fiorenza e a Lucca e a Pistoia. Noi pugnammo nove dì a giognere a Pisa per lo tempo reo, e se avessimo fatto a senno di coloro, che per la via ci volevano, non ci giognavamo uguanno. "(Lettera IV, ed. Bartoli, 1856)

  Da questa testimonianza, sappiamo quindi che fu proprio Bartolo de' Piccolomini da Siena a stabilirsi a Lucca. [Per una conoscenza più completa della diffusione dei gesuati a Lucca è fondamentale conoscere il libro di Isabella Gagliardi Li Trofei della Croce. L'esperienza gesuata e la società lucchese tra Medio Evo ed Età Moderna, Casa Editrice Edizioni di Storia e Letteratura Religiosa, Roma, 2005.]

  Bartolo de' Piccolomini fu mandato a Lucca proprio da Girolamo che dopo la morte del B. Colombini aveva la guida dell'Ordine.

  Scrive a proposito di questo mite discepolo, il Belcari  (op.cit. cap. XXV)    "Parve all' uomo d'Iddio Girolamo di mandare al luogo di Lucca Bartolomeo Piccolomini da Siena per maestro e padre dell'anime, con alquanti fratelli e figliuoli spirituali; il quale conversava con loro con tanta umiltà, e mansuetudine, e pazienza, che a tutti era esempio di virtù. E non solamente era retto e ordinato di fuori quanto al prossimo; ma molto più era retto e ordinato dentro quanto a Dio. Aveva questo benedetto uomo questa grazia da Dio; che ogni volta ch' e'metteva il primo piè in cella, incominciava a lagrimare per contrizion di cuore. E accorgendosi i fratelli di questo, stavano per ispazio di due ore che niuno in quel tempo lo richiedeva d'alcuna cosa; e così corrispondeva la sua conversazione dolcissima, e amorevole, e di buon esempio in tutte le cose: ed era molto amato da tutti i fratelli, e anco da'cittadini, i quali l'aveano in gran reverenza; perchè pareva loro uomo di gran senno naturale, e sapienza spirituale, in tanto, che, quando facevano consiglio, mandavan per lui, e quello che lui gli consigliava, determinavano che così fusse. E fece molte paci e concordie tra'cittadini: e quelle discordie, che erano mortali, ridusse ad amor fraterno. Onde la città si trovò tutta in pace, e in buona concordia, mentre che visse quell'uomo d'Iddio. Ma perché era già molto vecchio, poco tempo visse, che piacque al Signore di chiamarlo a se, e morì in pace e in santità."

  L'Ordine dei gesuati si radicò profondamente nella realtà lucchese. Altre chiese da loro fondate a Lucca, di cui sia rimasta qualche traccia, sono: l'antico convento dei Gesuati e la chiesa di S. Girolamo.

 


 

 

                                            

Home ] Su ] Antico convento ]

Inviare a prof@francescorossi.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Copyright © 2013 Prof. Francesco Rossi. Stemma dei Gesuati Su concessione del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Cl. 28.13.07/11, Prot. 3935 del 20.11.2013
Ultimo aggiornamento: 19-02-17